Vauro a Dritto e Rovescio: “Matteo Salvini non si batte in tribunale, ma non credo ai complotti”


Ospite di Paolo Del Debbio a Dritto e Rovescio, Vauro sorprende tutti commentando l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti. “Sono tra quelli convinti che Salvini non si batta per via giudiziaria, su questo non ci piove”, ha dichiarato il noto vignettista ottenendo l’approvazione da parte di Del Debbio e il suo studio. C’è un “però”, che Vauro palesa immediatamente: “Sono anche convinto che non ci sia alcun complotto, a meno che una delle istituzioni più importanti dello Stato, che è la magistratura, sia invece un covo di complottisti, toghe rosse e comunisti. Se così fosse avrei un’idea di questo Stato come defunto e incapace di distinguere i poteri, ma non ho questa idea”.

Per approfondire leggi anche: “Motivi squallidi e sporchi” per far fuori Salvini

“Premetto che sono fra quelli convinti che Salvini non si batta per via giudiziaria. Non ci piove. Detto questo sono anche convinto che non ci sia nessun complotto ai suoi danni”Che ne pensate delle parole di @VauroSenesi?Ora a #DrittoeRovescio pic.twitter.com/1Dq3cSLtMP

— Dritto e rovescio (@Drittorovescio_)
February 13, 2020



Sii il primo a commentare su " Vauro a Dritto e Rovescio: “Matteo Salvini non si batte in tribunale, ma non credo ai complotti” "

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*